Vai al contenuto
Home » Antonio Alessandri

Antonio Alessandri

ANTONIO ALESSANDRI

A colpire di Alessandri non è (solo) l’interpretazione e la capacità di lettura […], né la tecnica solidissima curata in anni fertili, bensì la sua spensieratezza, il suo approccio allo strumento […]  – Enrico Gramigna

… un ragazzino timido e posseduto dalla sicurezza del genio pianistico […], capace di cogliere e far risaltare le cangianti meraviglie del Divino salisburghese… – Vittorio Testa 

A soli 18 anni, Antonio Alessandri è considerato uno dei maggiori talenti pianistici della sua generazione, sia a livello nazionale che internazionale.

Già primo premio assoluto in numerosi concorsi giovanili, nel 2018 partecipa con successo al Concorso Steinway Giovani Talenti, esibendosi in recital alla Laeiszhalle di Amburgo in rappresentanza dell’Italia. Nel 2022 vince ben tre Concorsi Internazionali: Livorno Piano Competition, Premio Marizza e Premio Giangrandi-Eggmann, a cui si è aggiunto il Premio Giovani Talenti del Conservatorio di Milano. Nel 2023 è semifinalista al Concorso Ettore Pozzoli, dove si aggiudica il Premio Speciale assegnato dalla Fondazione Bracco per il Miglior Giovane Talento.  

Antonio si esibisce regolarmente in recital per numerose istituzioni concertistiche italiane, quali La Società dei Concerti di Milano, Festival Pianistico di Bergamo e Brescia, Mikrokosmi di Ravenna, Amici della Musica di Padova, Società Filarmonica Ascolana, Associazione Kandinsky di Palermo, Amici della Musica di Trapani e Società dei Concerti di Piacenza. Inoltre, è ospite regolare di Piano City Milano.

Di rilievo è anche l’attività con orchestra: dopo l’esordio a soli 12 anni al Teatro Teatini di Piacenza con il Concerto K 413 di Mozart, Antonio ha partecipato al Festival Mozart con i Virtuosi Italiani e, di recente, ha eseguito il Concerto n.1 di Cajkovskij con l’Orchestra del Teatro Goldoni a Livorno. Dalla stagione 21/22 è ospite fisso dei Pomeriggi Musicali di Milano, diretto da maestri quali George Pehlivanian e Stefano Montanari. Nella 24/25 suonerà nuovamente con la storica orchestra milanese (Burleske di Richard Strauss) diretto da Alessandro Cadario.

Antonio Alessandri ha iniziato gli studi di pianoforte al Conservatorio “A. Boito” di Parma, proseguendo poi al Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Contestualmente ha partecipato a masterclass con prestigiosi maestri e presso la Lieven Piano Foundation di Vienna, dove ha seguito corsi con Andreas Steier, Lilya Zilberstein, Paul Roberts, Ronald Brautigam, Arie Vardi, Tatiana Zelikman, Ferenc Rados, Alon Goldstein e Alexei Volodin. 

Nel 2020 al Teatro Verdi di Pordenone, assieme a Davide Cabassi, ha registrato il Concerto n.1 di Beethoven in forma di lezione-concerto, trasmesso su RAI 5 e disponibile per la visione su Raiplay.

A maggio 2024 il suo l’esordio discografico con le Variazioni Goldberg di Johann Sebastian Bach: registrata da DueErre Produzioni, l’incisione sarà distribuita su tutte le principali piattaforme online.

Agg. Giugno 2024